Isabel Alonso Vega

BIOGRAFIA

ESPOSIZIONI

CATALOGHI

OPERE

1969, Madrid
La ricerca artistica di Isabel Alonso Vega è sempre stata focalizzata sulla necessità di comunicare l’essenza stessa delle idee, per definizione intangibili. Attraverso pittura e scultura il tentativo è quello di cristallizzare ciò che è intangibile per dare corpo e fisicità a ciò che per definizione non ne ha. Con un processo opposto a quello della maggior parte delle ricerche artistiche, dove le opere si fanno metafora di ciò che è reale, Isabel rende esperienza tangibile ciò che altrimenti sarebbe solo concetto. Le sue grandi teche, composte da una sovrapposizione di strati trasparenti rigorosamente dipinti e lavorati a mano, sembrano provenire direttamente dall’iperuranio platonico.
Le opere di Isabel Alonso Vega generano un dinamismo continuo che le rende vive e mutevoli al variare del contesto. Tutti i Lavori sono raffigurazioni fisiche di idee astratte legate alla nostra natura emozionale. L’uomo è sempre al centro della sua produzione. Da qui la necessità di creare opere che non superino mai la dimensione tecnica che le consente di lavorarci in totale autonomia: Isabel non produrrà mai un lavoro che non sia compatibile con la sua dimensione fisica perché ogni lavoro è specchio della sua creatrice. Ogni opera è la fedele rappresentazione della natura stessa di ciò che va a rappresentare e così le opere di fumo sono ottenute con della fuliggine, le opere colorate partono dal pigmento puro ed i lavori in oro sono creati esclusivamente in foglia d’oro. L’onestà del materiale è la chiave per dimostrare l’onestà dell’intenzione che porta lo spettatore ad aprire la sua sfera empatica.