DISEGNO ITALIANO DEL NOVECENTO

In un percorso cronologico l’esposizione dispiega una successione di fogli che ripercorrono il secolo attraverso i suoi maggiori esponenti: uno splendido ritratto di Boccioni del 1916, alcune prove di Balla fra dinamismo e studi sul colore, la classicità di un ritratto di de Chirico, le strutturate composizioni di Sironi, le immagini crepuscolari di Cambellotti, le surreali visioni di Savinio. E ancora Dottori, con i suoi studi aeropittorici, CasoratiCarràSeveriniMorandiRosai, tre elegantissime carte di Modigliani, per proseguire lungo il secolo attraverso l’esperienza della Scuola Romana con Scipione e Mafai fino ad arrivare ai nomi di PirandelloAfroLiciniCapogrossi e Guttuso e giungere infine a SchifanoCucchiDorazio e Paladino che accompagnano il visitatore nel pieno delle esperienze più contemporanee.